Rivista online di studi
su antichità classica e cultura contemporanea

In collaborazione con la Consulta Universitaria di Studi Latini

n.3

rivista annuale
anno 3 · numero 3
anno 2017

Burning for Rome. The fortunes of Mucius Scaevola

Scritto da Christiane Reitz. Pubblicato in: Orizzonti

In my paper I pursue the reception of Mucius Scaevola, famous for his courageous behavior in front of the Etruscan king, Porsenna. Mucius displays extraordinary patience (patientia) when he holds his hand in the flame burning on the altar. Once established as a specimen of Roman virtue – this already occurs when Mucius Scaevola’s deed becomes a rhetorical example – the interpretation of his heroic act gains a life of its own. Virtue and decoration, allegory and exemplarity form an amalgam that is characteristic for each period’s, and each context’s, interpretation of Romanness. A specifically telling case is the decorative frieze in Schwerin castle – a remake of the decorations in the Neues Museum in Berlin. In this case, we observe the re-functionalization of a moral example as a piece of decoration.

 Nel presente contributo viene indagata la ricezione di Muzio Scevola, il personaggio divenuto celebre per il valoroso gesto compiuto di fronte al re etrusco Porsenna. Scevola mostra una capacità di sopportare (patientia) straordinaria, quando tiene ferma la sua mano sul fuoco che arde sull’altare. Una volta assurto a paradigma di virtù romana – ciò avviene quando le gesta di Muzio Scevola diventano un esempio retorico – l’interpretazione del suo eroico atto conquista una sua autonoma esistenza. Virtù e decorazione, allegoria e valenza esemplare creano un’unica entità che diviene caratteristica per l’interpretazione della romanità di ciascun periodo e di ciascun contesto. Un caso particolare è rappresentato dal fregio del castello di Schwerin – una copia delle decorazioni del Neues Museum di Berlino, nel qual caso si può osservare come un esempio morale assolva una funzione decorativa.

  • fig_1
  • fig_2
  • fig_3

Scarica l'articolo completo

Per poter scaricare l'articolo completo devi essere un utente registrato e devi aver effettuato il login. Se non sei un utente registrato puoi registrarti gratuitamente.

Sommario del n. 3

CLASSICOCONTEMPORANEO È SOTTOPOSTO ALLA PROCEDURA DI PEER REVIEW SECONDO GLI STANDARD INTERNAZIONALI

Di seguito è disponibile l'indice completo del numero diviso per le sezioni tematiche della rivista.
Fai clic su un titolo di sezione per espandere l'indice degli articoli contenuti.

Scarica l'indice completoScarica le norme editoriali (ITA-ENG)

Orizzonti

Responsabile di sezione: Rosa Rita Marchese

In Orizzonti trovano ospitalità le voci di chi fa ricerca umanistica nelle università e individua come una responsabilità propria di tale ricerca la formulazione di domande sul significato e sulla funzione sociale e politica dei propri studi. La sezione vuole offrire visibilità ai diversi modi in cui in Italia, in Europa e nel mondo le istituzioni accademiche producono linee di ricerca che promuovono, in una relazione costruttiva con il presente, il rapporto con l’antico. Entro questo spazio aperto al dialogo tra attività scientifica e domande di senso, la sottosezione Voci dal mondo intende dare spazio ai contributi e, soprattutto, alle esperienze didattiche provenienti dal panorama internazionale, con lo scopo principale di condividere informazioni e materiali in diverse lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo); tali materiali potranno anche avere meno attinenza con il tema monografico del numero.

Presenze classiche: Pagina, Schermo, Scena, Arti Visive e Comunicazione

Responsabile di sezione: Rossana Valenti

La sezione dedicata alle Presenze classiche è intesa a selezionare produzioni recenti – di letteratura, teatro, cinema, musica, arti visive – ispirate al mondo classico, sul filo del rapporto, problematico e suggestivo, tra il “classico”, sistema di valori per definizione al di là delle mode e delle contingenze, e il “contemporaneo”, l’odierno, l’attualità più stringente.

 

Discussioni

Ricerca e sperimentazione didattica

Responsabile di sezione: Pietro Li Causi

La sezione ospita documenti, racconti, bilanci critici di esperienze didattiche, progetti laboratoriali, interventi pedagogici, pensati in riferimento al mondo antico. Propone uno spazio operativo di confronto fra contesti differenti (la scuola, l’università, il “sociale”) e approcci diversi all’antico, inteso nella sua accezione più ampia: in rapporto all’insegnamento delle lingue classiche, ma anche allo studio di testi e monumenti nei loro aspetti letterari, culturali, iconografici, come pure in relazione alla pratica teatrale, alla rilettura del mito, alle varie possibili forme di rivisitazione creativa dell’antico.