Copertina Biblioteca di Classico Contemporaneo

Acquisizione dell’affricata postalveolare sorda in italiano L2: il caso degli apprendenti vietnamiti

Scritto da Bich Ngoc Pham.

Il presente lavoro si propone di indagare l’acquisizione dell’affricata postalveolare sorda nell’italiano come seconda lingua (L2) dei parlanti vietnamiti. Lo studio è stato effettuato su un campione di sei apprendenti maschi con differenti livelli di conoscenza della lingua italiana. I dati del corpus sono stati raccolti sia in contesto formale, attraverso la lettura delle parole che contengono il fonema esaminato, sia in contesto informale, tramite la raccolta di parlato semispontaneo registrato in tre incontri nell’arco di un anno. I risultati ottenuti dall’analisi uditiva e acustica hanno messo in luce che le realizzazioni di /ʧ/ nel parlato dei vietnamiti sono condizionate dalla struttura temporale e dall’intensità nella resa dell’occlusiva palatale sorda /c/, un suono esistente nel loro inventario fonologico. Questo transfer dalla lingua madre (L1) si verifica anche nelle interlingue avanzate. Inoltre, tra i vari tratti articolatori che caratterizzano /ʧ/, l’intensità sembra essere il tratto che viene acquisito per primo, in quanto è l’unico tratto che subisce un miglioramento nell’ultima fase di osservazione.

 

This paper aims at investigating the acquisition of Italian voiceless postalveolar affricate by Vietnamese speakers. The study was conducted on a sample of six male learners who have different levels of Italian language proficiency. The corpus of data was collected in formal context, by the reading of words containing the target phoneme, and also in the informal setting, through recordings of spontaneous spoken language in three meetings during a year. The results obtained from auditive and acoustic analysis revealed that the production of /ʧ/ in Vietnamese learners’ interlanguage are influenced by the temporal structure and the intensity in the articulation of voiceless palatal occlusive /c/, an existing sound in their phonological inventory. This transfer from the native language (L1) also occurs in advanced interlanguages. Moreover, among the various articulatory traits that characterize /ʧ/, intensity seems to be acquired first, as the only one showing improvement in the last phase of observation. 

 

Scarica l'articolo completo

Per poter scaricare l'articolo completo devi essere un utente registrato e devi aver effettuato il login. Se non sei un utente registrato puoi registrarti gratuitamente.