Cyborg Invasion al Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Scritto da Simone Foresta. Pubblicato in: Dossier

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli nel 2017 ha ospitato la mostra «Cyborg Invasion». Quindici noti fumettisti hanno reinterpretato in chiave cyborg altrettanti capolavori della scultura antica. All’Artemide Efesia, al c.d. Doriforo e all’Ercole Farnese sono trapiantati graficamente membra o organi sintetici e sono divenuti così personaggi della letteratura fantascientifica. Il breve scritto passa in rassegna le opere valutando il significato della mostra.

The National Archaeological Museum of Naples hosted the exhibition «Cyborg Invasion» in 2017. Fifteen well-known cartoonists have reinterpreted fifteen masterpieces of ancient sculpture in a cyborg-like way. Limbs or synthetic organs have been graphically transplanted into the Ephesian Artemis, into the so-called Doryphoros and the Farnese Hercules and thus have turned them into characters of science fiction literature. This brief essay reviews these works by evaluating the meaning of the exhibition.

 

Scarica l'articolo completo

Per poter scaricare l'articolo completo devi essere un utente registrato e devi aver effettuato il login. Se non sei un utente registrato puoi registrarti gratuitamente.